Disponibili anche per il 2016, gli incentivi fiscali per le startup innovative ad alta densità di conoscenza

Il Ministro dello Sviluppo Economico ha firmato due decreti, il contenuto del primo riguarda gli incentivi per le startup innovative, il secondo si rivolge alle piccole e medie imprese innovative, le seconde potranno accedere più facilmente al Fondo di garanzia. Oltre sei milioni di euro per avviare o consolidare start up innovative ad alta densità di conoscenza. Ad  oggi quelle che hanno potuto beneficiare di questa opportunità sono 804 e hanno ricevuto 325 milioni di euro.

Quali sono i requisiti necessari , per usufuire degli incentivi, secondo il contenuto del primo decreto?

  • La startup è costituita e svolge attività di imprese da non più di sessanta mesi;
  • è residente in Italia, o in un Paese UE purchè abbia una sede produttivi in o una filiale in Italia;
  • Il totale del valore di produzione annua, così come risultante dall’ultimo bilancio, approvato entro sei mesi dalla chiusura dell’esercizio, non è superiore a 5 milioni di euro;
  • non distribuisce e non ha distribuito utili;
  • ha, quale oggetto sociale esclusivo o prevalente, lo sviluppo, la produzione, la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico;
  • non è stata costituita da una fusione, scissione societaria o a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda;
  • possiede almeno uno dei seguenti ulteriori requisiti:
  • le spese di ricerca e sviluppo (R&S) sono uguali o superiori al 15% del maggiore valore fra costo e valore totale della produzione;
  • impiega come dipendenti o collaboratori, in percentuale uguale o superiore ad 1/3 della forza lavoro complessiva, personale in possesso di titolo di dottorato di ricerca o che lo sta ancora svolgendo, personale in possesso di laurea e che abbia svolto, da almeno tre anni, attività di ricerca certificata ovvero, in percentuale uguale o superiore a 2/3 della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di laurea magistrale;

titolare o depositaria o licenziaria di almeno una privativa industriale relativa ad una invenzione industriale, biotecnologica, a una tipografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale ovvero titolare dei diritti relativi ad un programma per elaboratore originario registrato presso il Registro pubblico speciale per i programmi per elaboratore, purchè tali privative siano direttamente afferenti all’oggetto sociale e all’ attività d’impresa.

 

Fonte: Starsup

Share
Posted in Ultime Notizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *